Crea sito
 

Senza titolo

Posted by July on Feb 5, 2012 in Senza categoria |

e senza null’altro aggiungere alla saggezza del grande Eduardo de Filippo Creato il  30.10.08 @ 18:19:57 da julyData di uscita:  30.10.08 @ 18:14:1

Io vulesse truvà pace;

Io vulesse truvà pace;

ma na pace senza morte.

Una, mmieze’a tanta porte,

s’arapesse pè campà!

S’arapesse na matina,

na matin’ ‘e primavera,

e arrivasse fin’ ‘a sera

senza dì: “nzerràte llà!”

Senza sentere cchiù ‘a ggente

ca te dice:”io faccio…,io dico”,

senza sentere l’amico

ca te vene a cunziglià.

Senza senter’ ‘a famiglia

ca te dice: “Ma ch’ ‘e fatto?”

Senza scennere cchiù a patto

c’ ‘a cuscienza e ‘a dignità.

Senza leggere ‘o giurnale…

‘a nutizia impressionante,

ch’è nu guaio pè tutte quante

e nun tiene che ce fà.

Senza sentere ‘o duttore

ca te spiega a malatia…

‘a ricett’ in farmacia…

l’onorario ch’ ‘e ‘a pavà.

Senza sentere stu core

ca te parla ‘e Cuncettina,

Rita, Brigida, Nannina…

Chesta sì…Chell’ata no.

Pecchè, insomma, si vuò pace

e nun sentere cchiù niente,

‘e ‘a sperà ca sulamente

ven’ ‘a morte a te piglià?

Io vulesse truvà pace

ma na pace senza morte.

Una, mmiez’ ‘a tanta porte

s’arapesse pè campà!

S’arapesse na matina,

na matin’ ‘e primavera,

e arrivasse fin’ ‘a sera

senza dì: “nzerràte llà!”

1 Comment

  • July ha detto:

    30.10.08 @ 19:46:41 ·Commento di: mimmaget
    eduardo, grandioso davero unico, una poesia stupenda e reale, bella grazie per avermela ricordata

Copyright © 2012-2018 Et Après... All rights reserved.
Desk Mess Mirrored v1.6 theme from BuyNowShop.com.